La rivincita delle villette con l’hi-tech

Una pandemia mondiale non poteva che generare cambiamenti altrettanto mondiali nella scelta, negli acquisti e nelle ristrutturazioni della casa.

Villetta singola due piani - vetrata angolare - YouTube

E così in tutte le grandi città, gli operatori del Real Estate hanno rilevato una marcata domanda di case indipendenti; in Italia l’aumento è stato del 12,3%. Stime recenti, inoltre, indicano che quel 55% della popolazione che, attualmente nel mondo, vive in case singole diventerà, nei prossimi anni, il 75% per cento con una fuga generalizzata dalle città.

Il progressivo invecchiamento della popolazione, però, ci pone davanti al primo ostacolo che spesso sconsiglia la scelta di una villa: il problema delle scale. Problema che, nei decenni trascorsi, è stato uno dei punti negativi all’origine del calo dei prezzi delle ville indipendenti in favore dell’appartamento.

Oggi esistono diverse tecnologie, finanziabili con agevolazioni fiscali, che risolvono il problema in modo economico, permettendo anche a persone anziane o non autonome di vivere in abitazioni a due e più piani in tutta tranquillità. Vediamone alcune:

Il mini ascensore 

E’ realizzabile su misura con interventi rapidi e non invasivi in base ai limiti volumetrici della tipologia dell’abitazione e ha un costo che parte da 5/6mila euro. La sua dotazione alza notevolmente il valore di una casa.

Ne esistono sostanzialmente due tipologie:

  • elettrico: il movimento della cabina è agevolato dalla presenza di un macchinario di sollevamento (argano) a trazione elettrica, che trasmette il movimento desiderato alle funi che reggono la cabina, sia in salita che in discesa;
  • oleodinamico (o idraulico):  la cabina viene collegata ad un sistema composto da cilindri e pistoni, con portata personalizzabile attraverso una valvola; quando la cabina deve salire di piano, la pompa idraulica spingerà il liquido all’interno del cilindro, provocando una “estensione” dello stelo e, pertanto, il movimento desiderato. Di contro, la discesa della cabina avverrà con la forza di gravità, con velocità controllabile grazie alla gestione del deflusso dell’olio dallo stesso cilindro.

Quale scegliere?

Prezzo: Miniascensore kone myspace

Per le villette, l’ascensore oleodinamico è da preferire a quello elettrico in quanto è più facile da installare, i sistemi di sblocco sono semplici, hanno un funzionamento molto regolare (rispetto a quelli elettrici dei condomini), non necessita di un locale macchine per gli organi di funzionamento e ha spese di manutenzione inferiori rispetto all’ascensore elettrico, più adatto a edifici molto elevati.

Anche per questo tipo di ascensori, però, l’installatore deve fornire l’assistenza 24 ore su 24 come nei condomini.

Inoltre, contrariamente a quanto si crede, l’ascensore può diventare un complemento d’arredo molto elegante: ne esistono ormai diversi tipi con misure molto compatte.

Kone, per esempio, fabbrica piccoli apparecchi rivestiti di materiali di pregio, con schermi multimediali e tecnologie all’avanguardia, come l’Eco Disc che elimina il problema di spazio per il locale macchine.

Ascensori anti-covid?

Certo! Perchè gli ascensori di nuova generazione sono comandabili a voce o con sistemi touchless.

Novaelevators realizza impianti domestici con Vocal Suite in quattro lingue che, oltre a consentire il funzionamento tramite la voce (letteralmente, ti chiede a che piano vuoi andare!!), fornisce anche sottofondi musicali, notizie e previsioni meteo.

Vegalift è dotato di un assistente vocale, Sibilla, con il quale è molto semplice interloquire.

CMF di Frigerio impiega l’intelligenza artificiale, mentre Stuck Design ha sviluppato, per i pulsanti, la tecnologia Kinetic Touchless che reagisce fisicamente ad una pressione a distanza, senza bisogno di contatto, nemmeno ravvicinato.

Tecnologie ottiche di nuova generazione che si stanno già diffondendo in residenze molto recenti in Cina e negli Stati Uniti.

E per la sicurezza?

In qualsiasi momento, in caso di guasto, deve essere possibile mantenere, grazie ad un impianto di climatizzazione e ricambio dell’aria, un comfort anche prolungato alla persona bloccata, ma gli ascensori più moderni permettono anche un collegamento interattivo audio-video che riduce nettamente i rischi di una crisi da panico.

L’hi-tech può garantire, in più, a chi usa l’ascensore “famigliare” una totale sicurezza, soprattutto se viene usato da persone sole, anziani, malati, portatori di handicap o bambini.

La prima regola, infatti, è che i bambini non devono mai salire da soli sull’ascensore (!) e questo divieto può essere messo in atto richiedendo l’installazione di blocchi o password che ne impediscano l’uso.

Inoltre è possibile (e caldamente consigliato) installare una telecamera collegata in tempo reale, tramite un’App, agli smartphone dei famigliari e al centro assistenza così da poter verificare in ogni momento che cosa sta accadendo dentro e fuori dall’ascensore (importante se è stato installato con accesso dall’esterno).

Insomma, se aggiungessero anche i raggi infrarossi dimagranti, non ci sarebbero proprio più scuse per non fare le scale!

Chi lo sa, STAY TUNED!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.