MILANO: CONSIGLI PER CERCARE CASA

Comprare casa, ai tempi di Internet, sembra un gioco da ragazzi, ma bisogna stare attenti!

Ecco alcuni consigli: 

Trovare il quartiere giusto

Uno dei primi pensieri di chi si appresta all’acquisto di una casa è la vicinanza al posto di lavoro. Oggi più che mai, i giovani puntano alla qualità della vita ed avere una distanza accettabile dal posto di lavoro consente di spendere meno tempo negli spostamenti, con il risultato di avere più tempo libero. Lo smart working ha modificato in parte questo aspetto, ma si tratta di una situazione legata al periodo contingente che in molti casi non continuerà sul lungo periodo.

Quindi, consiglio n°1: scegliere una zona ben servita dai mezzi pubblici, ma calcolando sempre la facilità di collegamento con il posto di lavoro!

Sul sito dell’ATM è possibile consultare tutte le linee (metropolitane, passanti e mezzi di superficie), verificare gli orari e confrontare percorsi.

Dove conviene investire

Milano ha delle zone che mantengono negli anni un valore praticamente inalterato degli immobili: si tratta di zone residenziali, come ad esempio l’Isola e le zone adiacenti alla Cattolica e alla Bocconi.  Alcune di queste non hanno ancora il benefit di metropolitane vicine, ma offrono un’ottima qualità di vita, data dalla vicinanza al centro e dalla presenza di numerosi servizi (negozi, teatri, bar, ristoranti, ecc).

Quindi, consiglio n°2: comprare casa è un investimento, quindi bisogna valutarne il potenziale sul lungo periodo.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate trovate un’utile banca dati con le quotazioni immobiliari degli ultimi 15 anni di tutte le città d’Italia.

Le riqualificazioni

Milano ha diversi cantieri aperti, è una città in continuo movimento: riqualificazioni, nuovi quartieri, nuove attività. Prendiamo ad esempio Porta Nuova: da zona un pò dimenticata dall’urbanistica milanese a quartiere di tendenza che ha ridefinito lo skyline cittadino. E potrei citarne altri.

Quindi, consiglio n°3: prendere informazioni sui Piani Territoriali può favorire l’acquisto di un immobile il cui valore potrebbe realmente cambiare in tempi brevi. 

A questa pagina del sito del Comune di Milano potete leggere il “piano quartieri” attualmente in opera.

Stato dell’edificio

Il massimo sarebbe quello di acquistare casa in uno stabile di recente costruzione, in modo da avere delle spese condominiali basse. La realtà è che spesso gli acquisti ricadono su immobili situati in edifici più datati e sapere l’ammontare delle spese condominiali non basta.

Quindi, consiglio n°4: chiedere informazioni su eventuali spese straordinarie previste aiuta a far bene i propri conti. 

Stato dell’immobile

A volte case che sembrano perfette in realtà qualche “imperfezione” ce l’hanno: situazione catastale non aggiornata, ipoteche, impianti non a norma, ecc..

Quindi, last but not least, consiglio n°5: fare (o ancora meglio, far fare ad un professionista) una due diligence dell’immobile, per raccogliere e verificare tutti i dati, evita di incontrare spiacevoli sorprese. 

Sono solo alcuni consigli, ma se, state per intraprendere quest’avventura e avete dei dubbi non esitate a contattarci o lasciateci un commento!

Nel frattempo, vi lasciamo anche una MiniPocket Guide che riassume tutto il percorso di acquisto e le verifiche da svolgere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.